Blog: http://uominiocaporali.ilcannocchiale.it

Walterino e la Banda dei Quattro

BRAVI! Da oggi e più che mai prima d’ora, il nostro Paese ( chissà poi perchè ostinarsi ancora a chiamarlo tale?), può annoverarsi tra quelli del Terzo Mondo ( senza offesa per questi ultimi ). 

Nemmeno in Albania hanno un ordinamento così profondamente antidemocratico, dove quattro persone sono, per legge, “più uguali” di tutte le altre. 

BRAVI! 

Grazie a tutti quelli che hanno consciamente votato ( perchè alla solita fola del “vediamo quello che fa, il Silvio”, ci può credere solo la Finocchiaro)  la ristretta banda di falsari, mafiosi, trasformisti ( ma, si può ancora dire, o il PD piange? ) a capo del cosiddetto “Popolo delle Libertà” e in subordine l’accozzaglia di cialtroni e manutengoli della relativa coalizione.

Grazie, ovviamente, a Uòlter  Rin-troni e ai suoi Boys per aver colpevolmente lasciato mano libera al Caimano, proteggendo ad oltranza i dirigenti ricattabili politicamente e giudiziariamente, facendo fuori quelli che avevano credito e competenze, premiando la nomenklatura a danno di chi avrebbe davvero rappresentato istanze e problemi del popolo.

Te la ricordi, Walter, questa parola: popolo?

Era patrimonio lessicale della sinistra, dei Comunisti. 

Anche quella, a furia di “We can” e “politically correct”, avete fatto in modo che il Caimano ci rubasse! 

E adesso, davanti a questa immane porcheria che riporta indietro di sessant’anni il nostro paese, qual’e’ la tua ferma e decisa presa di posizione? “Il dialogo, adesso, si fa difficile.”?? ( ..ora mi calmo..)

Caro Walter, per carità, spiegami che cosa vuol dire “ fare un’opposizione dura ma riformista”, son parole tue, vero?, (ecco, vedi, sono calmo...), allora, dicevamo, che significa ? 

Quelli ( il PDL ) sono tanti di più di voi, in parlamento e in senato, sono spietati, cattivi, non fanno prigionieri, e tu te ne vieni tomo tomo, cacchio cacchio, con il riformismo???

So che sei un cinefilo, vero? Ecco, ricorderai un classico di Frank Capra intitolato “ Mr. Smith va a Washington”, no?

Il protagonista per difendere il suo onore e i principi dei suoi elettori, nonche’ per denunciare il malaffare di una potente lobby( fa ridere, lo so, paragonata ai Berluscones!)  nel senato americano quasi si immola parlando  per ventisei ore all’assemblea, facendo opposizione ad oltranza.

Ecco Walterino, riguardati quel film, e, se sei capace, vedi di fare qualcosa del genere, invece che uscire dall’aula durante le votazioni importanti con tutti i tuoi, e se no, ti prego, fatti da parte, chè noi, di Smith abbiamo bisogno.

Altrimenti, per far prima, prendi esempio da Tonino Di Pietro, comincia a chiamare le cose col loro nome. 

Non e’ difficile, prova.

Per incoraggiarti ti passo questo link   http://it.youtube.com/watch?v=QGAgu6zI9v0&feature=related

Vuoi davvero che l’Italia sia ridotta così?, semplifico, con Berlusconi nella parte di Re Luigi?


Pubblicato il 25/7/2008 alle 18.20 nella rubrica CAPORALI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web